AVS 21

Riformare quanto necessario ed evitare esperimenti

25 Maggio 2022 Comunicati stampa

Il 25 settembre le cittadine e i cittadini svizzeri si esprimeranno su tre pilastri centrali per la nostra stabilità in un momento di crescente incertezza: il mantenimento dell’AVS e di rendite pensionistiche certe, il ritorno in Svizzera di importanti entrate fiscali e la garanzia di un approvvigionamento alimentare sicuro. Nello specifico si tratta della riforma AVS21, della riforma sull’imposta preventiva e dell’iniziativa sull’allevamento intensivo. Un’ampia alleanza composta da rappresentati dell’economia si impegna a favore delle riforme sull’AVS21 e dell’imposta preventiva. Rifiuta le nuove disposizioni per l’agricoltura che non farebbero altro che aumentare la dipendenza dall’estero. Continuare a leggere

Si ad AVS21! Un’ampia alleanza verso un futuro sicuro e sostenibile per tutte e tutti

25 Marzo 2022 Comunicati stampa

La posta in gioco nell’autunno 2022 sarà di quelle importanti. La Svizzera voterà infatti sul futuro della previdenza vecchiaia. I partiti di sinistra e i sindacati hanno lanciato un referendum contro la riforma AVS21. In questo modo, mettono in pericolo la più importante istituzione sociale della Svizzera per le generazioni future. Un’ampia alleanza, composta da rappresentanti di diversi partiti politici e diverse associazioni economiche, si oppone a questo referendum e si impegna per la salvaguardia della nostra previdenza vecchiaia. Continuare a leggere

La Svizzera ha bisogno di una cura ricostituente

26 Novembre 2021 Comunicati stampa

L'Unione svizzera degli imprenditori, l'Unione svizzera delle arti e mestieri e economiesuisse vanno nella stessa direzione: le tre organizzazioni mantello dell'economia svizzera hanno adottato un'agenda comune di politica economica che definisce le necessità in termini di riforme della Svizzera. Il paese deve ora fare i compiti in numerosi ambiti politici per non perdere il contatto con un mondo in rapida evoluzione. Continuare a leggere

LA POLITICA SOCIALE DELL’OCSE INDIVIDUA LA NECESSITÀ DI INTERVENIRE NELLA PREVIDENZA VECCHIAIA SVIZZERA

6 Novembre 2019 News

L'OCSE raccomanda di adeguare la previdenza vecchiaia in Svizzera all'evoluzione demografica. Come primo passo, l'età pensionabile delle donne dovrebbe essere allineata a quella degli uomini, e il passo successivo dovrebbe essere quello di portarla gradualmente a 67 anni per entrambi i sessi. Con questi auspici l'OCSE sfonda porte aperte presso l’Unione svizzera degli imprenditori. Continuare a leggere